Tarkovskij e Sokurov

Che l’autore di Faust e il creatore di Andrej Rublëv avessero affinità elettive il mondo lo sa, e la rete pure. Nell’URSS dei tardi Settanta il secondo, già emarginato e prossimo all’esilio, fa da mentore al primo.

Nel 1979 Sokurov, come ricostruisce Mauro Martini su Lettera22, “…è già un reietto: i suoi primi saggi vengono immediatamente accusati di formalismo e di antisovietismo e gli costano l’allontanamento dalle aule della scuola (l’Istituto pansovietico di cinematografia di Mosca, ndr), anche se gli viene consentita la possibilità di dare gli ultimi esami da esterno”.

“Peggio che andar di notte: Sokurov gira, a mò di prova finale, il suo primo film Odinokij golos čeloveka (La voce solitaria dell’uomo)”.

[Read more…]

Annunci

Un esilio

Racconterò il figlio, ma devo iniziare dal padre. Tra il venti e il quaranta imperversa nell’est. Ha i suoi che gli sono fedeli. In ogni rapina dimostra una ferocia aumentata dal patronimico nel quale si coglie il suono della predazione
[Read more…]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: